Le professioniste guadagnano il 35% in meno dei colleghi uomini | Confprofessioni
09/03/2021
Le professioniste guadagnano il 35% in meno dei colleghi uomini

Secondo uno studio de Il Sole 24 Ore, è ancora ampio il divario in Italia tra le professioniste e i colleghi uomini

Lunedì 8 marzo su Il Sole 24 Ore è stato pubblicato un approfondimento sulla differenza di salari tra le professioniste e i colleghi uomini:

 

 

C' è una zavorra pesante a inchiodare verso il basso la bilancia dei redditi delle professioniste rispetto ai colleghi uomini. In media vale il 35% in meno. Lo rileva un' indagine condotta dal Sole24Ore sulla base dei dati delle principali Casse professionali: i numeri fotografano le entrate dichiarate dalle varie categorie nell' evoluzione tra il 2010 e il 2019, esclusi i notai perché hanno un sistema previdenziale a ripartizione.

 

 A guardare i numeri delle professioni, in dieci anni il divario tra i redditi si è attenuato: nel 2010 in media valeva il 40%, ovvero se un uomo poteva contare in media su 43mila euro di reddito annuo, la sua collega non arrivava a 26mila. Nel 2019 (ultimo dato disponibile) si è registrato un lieve incremento medio femminile, mentre nel decennio la crisi per gli uomini ha mandato in fumo più di 2.600 euro (-6%). Le donne, dal canto loro, hanno ecuperato il 2%, ma comunque appena sopra i 26mila euro di reddito medio complessivo. Da qui l' "illusione ottica" di un progresso femminile, che a ben guardare è davvero poca cosa.

 

 

Continua a leggere su Il Sole 24 Ore: https://www.ilsole24ore.com/art/redditi-professioniste-pesa-divario-35percento-ADpNwLNB