ANC | 29/08/2017
Revisori Enti Locali Sicilia, accolte istanze ANC

Di seguito il comunicato stampa diffuso dall’Associazione Nazionale Commercialisti lo scorso 29 agosto

Lo scorso 25 agosto è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Sicilia la L.R. n. 16 del 11 Agosto 2017 che all’art. 39 ha emendato l’art. 10 della L.R. 3/2016 e s.m.i., innalzando da 2 a 8 il limite massimo di incarichi che possono essere contemporaneamente assunti dai Revisori degli Enti Locali.

 

La modifica introdotta è stata accolta con grande soddisfazione dall’Associazione Nazionale Commercialisti, che ha monitorato l’evoluzione normativa caldeggiando, per il tramite dei Consiglieri nazionali sul territorio Salvo Geraci, Rosanna Paolino (ai quali l’ANC rivolge un pubblico plauso, così come ai rappresentanti delle associazioni siciliane), una variazione del testo legislativo affinché fossero previste, per i Revisori degli Enti Locali in Sicilia, le stesse prerogative concesse nelle altre regioni d’Italia.

 

Lo scorso 26 ottobre era stata sottoscritta e presentata, in occasione di un’audizione presso la I Commissione Affari Istituzionali dell’ARS, una proposta di emendamento articolata e completa che riprendeva, in tema di numero di incarichi, il disposto dell’art. 238 del Testo Unico degli Enti Locali (TUEL).

 

Il Legislatore, al momento, ha accolto solo parzialmente le istanze presentate, pertanto, l’ANC, alla luce dei sensibili margini di progresso, continuerà a seguire e a promuovere un’evoluzione normativa che vada nel senso del miglioramento dello svolgimento della delicata attività di revisione degli Enti Locali, al fine di restituire dignità ad una funzione il cui carico di responsabilità è spesso misconosciuto e di dare ulteriore impulso alla crescita professionale di tanti giovani commercialisti.

 

Ulteriore motivo di soddisfazione è la mancata variazione in funzione restrittiva della norma sulla formazione dei revisori, che rimane prerogativa dei “competenti ordini professionali o delle associazioni rappresentative degli stessi”, così come dispone l’art. 6 della Legge 11 agosto 2016 n. 17.

 

“L’operato dell’ANC e delle altre associazioni coinvolte si è sostanziato pertanto” afferma il Presidente Marco Cuchel, “ in un supporto tecnico alle esigenze della politica che, in molti casi, necessita di referenti specifici che partecipino alla formazione delle leggi attraverso  un’interlocuzione continua e costruttiva che consolidi i rapporti tra i cittadini e le istituzioni”.