Toscana | 28/01/2019
Professionisti e nuovi strumenti di aggregazione, focus a Pistoia

Martedì 29 gennaio all’Hotel Villa Cappugi. Il presidente di Confprofessioni Toscana: «Un’opportunità di lavoro che sostiene la crescita dei piccoli studi professionali»

I professionisti in Toscana rappresentano circa il 20% del Pil. Il futuro passa attraverso una rete di professionisti che consenta anche ai piccoli studi di crearsi portali per i clienti, soluzioni Ict di ultima generazione, fare marketing efficace, ridurre i costi hardware e software, partecipare agli appalti pubblici e ai bandi di maggiore rilevanza, tutte soluzioni difficilmente praticabili altrimenti. Un’opportunità di lavoro riconosciuta dal Jobs Act autonomi.

 

A questo tema è dedicato il convegno “Professionisti e nuovi strumenti di aggregazione - Le reti professionali e miste” in programma martedì 29 gennaio al Grand Hotel Villa Cappugi (via Collegigliato 45) a partire dalle ore 14, in cui si parlerà tra l’altro di soggettività fiscale e profili giuslavoristici delle reti. Un convegno organizzato da Confprofessioni Toscana con Adc nazionale, Associazione nazionale Commercialisti, Ancl, Associazione nazionale forense, Federnotai, Andi.

 

«Si tratta di una preziosa opportunità di lavoro - spiega il presidente di Confprofessioni Toscana, Ivo Liserani -. Le reti di professionisti si profilano come una soluzione considerevolmente vantaggiosa, soprattutto sono uno strumento che viene incontro alle esigenze dei piccoli studi e si situa a metà strada fra lo studio singolo, e la vera e propria STP; assicurano un forte contenimento dei costi operativi in quanto possono addirittura non costituire un soggetto autonomo rispetto ai partecipanti».

 

INTERVISTA IVO LISERANI

 

INTERVISTA SERENA BROGI

Allegati
programma_convegno_29_01_2019_pt.pdf
Scarica il file