27/04/2018
Diritto societario, la Commissione propone nuove norme armonizzate

Sarà più facile per le imprese trasferirsi, fondersi o scindersi all’interno del mercato unico. Previsto un risparmio di 12-19 mila euro per operazione

La Commissione propone delle nuove norme di diritto societario armonizzate che mirano a rendere ad agevolare le procedure per le società che intendono trasferirsi, fondersi o scindersi all’interno del mercato unico, a proteggere i diritti dei lavoratori e a prevenire gli abusi fiscali. Le nuove norme hanno anche l’obiettivo di stimolare il potenziale di crescita delle imprese europee, prevendo procedure online per la creazione e la gestione delle imprese, riducendo costi e tempi. Inoltre, grazie al principio "una tantum", previsto dalla proposta odierna, non sarà più necessario presentare più volte le stesse informazioni ad autorità diverse nel ciclo di vita un'impresa. La Commissaria UE per la Giustizia, i consumatori e la parità di genere, Vĕra Jourová , ha dichiarato che “troppo spesso vi sono impedimenti che scoraggiano le imprese europee dal cercare opportunità commerciali all'estero” ed ha affermato la volontà di mettere fine a questa situazione e modernizzare le norme del diritto societario.  La Commissione stima che le imprese risparmieranno circa 12-19 mila euro per operazione, per un totale di 176-280 milioni di euro su cinque anni.

 

Maggiori informazioni