21/09/2017
Diritto allo studio, Ebipro in prima fila

L’Ente bilaterale per gli studi professionali eroga un contributo al datore di lavoro per la concessione di permessi di studio e un rimborso ai lavoratori dipendenti per l’acquisto dei testi scolastici per i figli

 

Il Ccnl degli studi professionali dedica un’apposita norma al sostegno del diritto allo studio dei lavoratori, per favorire il loro miglioramento culturale e professionale.

In questo ambito, Ebipro (l’Ente Bilaterale Nazionale per gli Studi Professionali) eroga un contributo a favore del datore di lavoro pari al 50% della retribuzione derivante dalla concessione dei permessi per studio – previsti dall’art. 92, n. 1, lett. d) Ccnl – riconosciuti ai lavoratori iscritti e frequentanti corsi regolari di studio in scuole di istruzione primaria, secondaria e di qualificazione professionale, statali, parificate o  legalmente riconosciute o comunque abilitate al rilascio di titoli di studio legali, nonché per il conseguimento del diploma di scuola secondaria superiore, di laurea, diplomi di specializzazione e master universitari.

Ebipro eroga, inoltre, un rimborso pari al 30% delle spese sostenute dai lavoratori dipendenti di studi iscritti all’ente per l’acquisto dei libri di testo scolastici per i figli frequentanti la scuola primaria e secondaria.